La Mission

Progettualità di cambiamento sociale "per riorganizzare la speranza in un futuro che c'è"

Il Pugno Aperto è una cooperativa sociale e si occupa di progetti di politiche sociali rivolte a minori e famiglie e la sua attenzione è volta a coloro che si trovano in condizioni di normalità, di fragilità o di disagio.

La mission è tesa all’essere “Impresa sociale di comunità” per promuovere produzioni di bene comune tramite relazioni buone e positive con i diversi soggetti presenti nelle diverse comunità.

Tutto questo riconoscendo la centralità della persona e l’universalità dei diritti e collocandoli nella corresponsabilità degli attori plurali, in una attivazione ella comunità tutta, dentro un orizzonte di sistema di welfare mix appropriato. Al proprio interno operando in una fondamentale coerenza tra mezzi e fini, con metodo e logiche cooperative che sono essenzialmente connaturate al proprio essere e si fondano su una serie di valori ed attenzioni condivise tra i soci quali:

• la corresponsabilità
• la comunanza
• la sostenibilità
• la coesione sociale
• il sogno
• la creatività, il dar voce
• la collaborazione
• l'ascolto
• l'empatia
• la professionalità, la flessibilità, la condivisione
• l'apertura alla pluralità
• lo stimolo alla cittadinanza attiva
• l'accompagnamento

Bilancio sociale

Il bilancio sociale rendiconta l’operato, le attività ed i risultati organizzativi, economici e sociali della nostra realtà.
Di seguito sono scaricabili le ultime edizioni dei nostri bilanci sociali:

Bilancio sociale Bilancio sociale 2016

Bilancio sociale Bilancio Sociale 2014

Bilancio sociale Bilancio sociale 2013

Bilancio sociale Bilancio Sociale 2012

Lo Statuto

Scarica il nostro Statuto

StatutoStatuto

La nostra storia

Storia

La cooperativa Il Pugno Aperto è nata nel 1991 dall’idea di un gruppo di giovanissimi operatori sociali che decise di inventarsi e condividere un progetto a sostegno delle fasce sociali più deboli. Si è avviato così il progetto di questa cooperativa che, in risposta ai bisogni del territorio, ha iniziato la sua attività con interventi nell’area dei minori e della salute mentale.

Nel 2003/04 importante è stato l’incontro con la cooperativa Migrantes con la quale si è avviato un dialogo sui temi legati alle diverse “fragilità” ed una collaborazione in progetti rivolti a stranieri ed adulti in difficoltà.
Questa sintonia di intenti ha portato alla fusione delle due realtà.

Nel 2010, con lo sguardo agli importanti cambiamenti che stavano avvenendo nel panorama delle politiche sociali più complessive, inizia la riflessione verso “l’impresa sociale di comunità”. Tale direzione, che implica l’identificazione di una strategia fondata sulla scelta di un assetto proprietario, organizzativo ed operativo della cooperativa basato sul rapporto con le diverse parti delle comunità con cui si opera, viene assunta dai soci e li orienta su quel cammino fatto di incontri e condivisioni che oggi si sta percorrendo.

Oggi Il Pugno Aperto concentra la sua azione nelle comunità locali delle zone di Bergamo, Dalmine e comuni limitrofi. In questi territori, nella collaborazione e scambio con i diversi soggetti, gestisce progetti volti al perseguimento dell’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini.

La cooperativa aderisce a Confooperative-Federsolidarietà, è associata al consorzio Solco Città Aperta e ad altre realtà associative nazionali come il C.N.C.A. e C.G.M.. È socia dell’associazione “Libera” e dello studio medico dentistico Boccaleone SRL.
Oggi la cooperativa Il Pugno Aperto ha 59 soci non tutti lavoratori e un consiglio di amministrazione di composizione mista (tra i 7 di cui è composto vi sono un volontario ed un rappresentante di una cooperativa di tipo B).

Organigramma

Organigramma